Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2013

Pd, Cuperlo: brogli a Salerno, annullare il voto

"Abbiamo le prove di brogli avvenuti nei congressi di circolo che si sono svolti a Salerno". Lo afferma Mario Tullo, rappresentante di Gianni Cuperlo nella commissione nazionale per il congresso del Pd. "Chiediamo formalmente l'annullamento della convenzione provinciale di Salerno", ha aggiunto. Successo di Cuperlo al 54% nei circoli a Roma, Renzi al 33% - E' Gianni Cuperlo il più votato dai circoli del Pd di Roma nell'elezione per la segreteria nazionale del partito. Quando mancano ancora 3 circoli, sui 153 della Capitale, il deputato si attesta al 54,04% delle preferenze, quasi venti punti percentuali in piu' del suo diretto concorrente, Matteo Renzi, che si ferma al 33,18%. Terza piazza per Pippo Civati con il 10,02%, seguito da Gianni Pittella al 2,76%. L'affluenza alle urne è stata pari a circa il 70%.

Renzi vince in Lombardia, Cuperlo primo a Milano - Matteo Renzi è il candidato alla segreteria del Pd più votato nei circoli della Lombardia,…

Comunione e Fatturazione

"La Rai avrebbe offerto agli organizzatori del Meeting di Comunione e Liberazione 700 mila euro per ottenere l'esclusiva dell'evento che si svolge ogni estate a Rimini. E' una questione da chiarire con la massima urgenza. Ho presentato ieri mattina in Commissione Vigilanza un quesito, rivolto ai vertici RAI, per avere spiegazioni in merito. Ho chiesto, nello specifico, quali siano le ragioni che hanno portato l'azienda radiotelevisiva pubblica a presentare questo tipo di offerta agli organizzatori dell'evento che fa capo a CL. Se il contratto già esistesse, sarebbe infatti da stracciare. E' assurdo che vengano stanziati soldi pubblici per seguire eventi di questo genere. Allora anche i partiti o le associazioni di categoria potrebbero richiedere di essere pagati per garantire il libero accesso ai giornalisti per le loro convention. E' un nonsense, l'ennesimo. Basterebbe essere ben concentrati sul significato del principio di servizio pubblico e sul…

Preso il super latitante Michele Rossi referente dei narcos boliviani e colombiani

La guardia di finanza di Torino ha arrestato a Santo Domingo, dove si era nascosto, il super latitante Michele Rossi. Era il referente dei cartelli della droga boliviani e colombiani e gestiva il traffico di grossi quantitativi di stupefacente dal Sud America all'Europa. Rossi era considerato uno dei 40 latitanti pi pericolosi. Milanese di 35 anni, Rossi era soprannominato l'isolano. Da dieci anni si era infatti stabilito a Santo Domingo, dove curava le relazioni con la clientela italiana e i 'broker della coc. Gi oggetto, due anni fa, di pregressa attivit investigativa condotta dalle Fiamme Gialle torinesi, l'uomo era stato colpito da un provvedimento di custodia cautelare in carcere per l'importazione di partite di cocaina purissima per un totale di 375 chilogrammi. Prima di questa indagine, terminata con l'arresto di altre 14 persone e il sequestro di ingenti quantitativi di cocaina e di hashish, Rossi era stato condannato nel 2009 dal Tribunale di Busto Ar…

Siracusa, l’Asl dice basta alle richieste di atti del deputato M5S per “troppa trasparenza”

Una sistematica richiesta di documenti, solleciti incessanti, continue istanze di accesso agli atti. In una parola: troppa trasparenza quella richiesta da Stefano Zito, deputato siciliano del Movimento Cinque Stelle. Ed è per questo che l’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa ha storto il naso, chiudendo a chiave i cassetti all’esponente dei Cinque Stelle. Una decisione clamorosa quella del direttore sanitario Anselmo Madeddu e del commissario Mario Zappia, che nella lettera spedita a Zito, lo accusano di una “incessante, sistematica e senza precedenti sequenza di accesso atti, esercitata senza soluzione di continuità sin dal suo insediamento, che sta mettendo davvero a dura prova gli uffici, ormai impegnati da mesi in una estenuante ricerca di atti e di elaborazione dati”. Sarebbero state talmente tante le richieste di Zito da “intralciare le attività istituzionali ed il buon andamento della pubblica amministrazione”. Zito, da vice presidente della commissione regionale Sanità, ab…

Adro, arrestato il sindaco delle polemiche: irregolarità negli appalti

Fu tra i primi sindaci sceriffi a negare il pranzo ai piccoli stranieri i cui genitori non potevano pagare la mensa e finì nella bufera per aver tappezzato la scuola materna di simboli leghisti. Oscar Lancini, sindaco di Adro (Brescia), è stato arrestato dai carabinieri ed è ai domiciliari. Il leghista è accusato di “turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente” e “falso in atto pubblico”. Avrebbe favorito alcune aziende nella gara d’appalto per la realizzazione di alcune opere in paese; in particolare la turbativa d’asta riguarderebbe la realizzazione dell’area feste della cittadina.

In totale sono 24 le persone indagate. Ai domiciliari anche Carmelo Bagalà, segretario comunale, l’assessore ai Lavori pubblici Giovanna Frusca, il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune Leonardo Rossi e due imprenditori edili, Alessandro Cadei e Emanuele Casali.

La scuola tappezzata con il “Sole della Alpi”. Nel 2010 il caso Adro scosse l’Italia perc…

Re Giorgio, la "dittatura" e le aggressioni in aula | Alessandro Di Battista

Quel che è accaduto ieri in aula è intollerabile in una Repubblica parlamentare. Il collega Manlio Di Stefano prende la parola e inizia un intervento legittimo sul Capo dello Stato. Un intervento duro ma corretto. La Presidente Sereni (PD)… si comporta in modo parziale, più realista del Re Giorgio, censura, toglie la parola, mente (quando dice “ha finito il tempo” al secondo 48 quando si hanno 2 minuti negli interventi di fine seduta). Cerca in ogni modo di azzittire il collega reo di “comportamento eversivo”, ha nominato l’innominabile. La Presidente Sereni ricorda l’art. 90 della Costituzione (Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni) ma si dimentica l’art.21 della Costituzione stessa (Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione) e non comprende che è diritto di un parlamentare mettere in dubbio che convocare la maggioranza al Quirinale per…

Ruba mele e noci per fame, denunciato

(ANSA) - IMPERIA, 5 NOV - Per aver rubato mele e noci al supermercato Eurospin di Imperia (bottino di 4 euro) un pensionato di 64 anni è stato denunciato dalla polizia con l'accusa di furto aggravato. Secondo quanto si è appreso, l'anziano avrebbe agito ''spinto dalla fame''. E' stata la direzione del supermercato a chiamare il 113 e gli agenti, malgrado l'esiguità del bottino, non hanno potuto far altro che segnalare l'uomo all'autorità giudiziaria.
ANSA.it

Fiorito, l'uomo del suv pagato dalla Pisana: «Poi dicevano a me...»

FROSINONE - Lui, la mela marcia della politica, non ci sta. Ed ora che le indagini sull’utilizzo improprio dei contributi destinati ai consiglieri riguardano sedici delle venti regioni italiane, passa al contrattacco. Vedete: la storia mi sta dando ragione - commenta sarcastico Franco Fiorito - su di me le hanno dette di tutti i colori e ora, invece, ci si resi conto che tutto il sistema era, ed , marcio. Non solo nel Lazio. L’ho sempre detto e lo ripeto: non sono mai stato un caso isolato. Solo che nessuno voleva rendersene conto, al Sud come al Nord. Ed ora le notizie che vengono dalla Lombardia cos come dalla Sicilia, non mi stupiscono. Voglio solo vedere in quanti pagheranno. Io stesso ho denunciato le folli spese che i miei ex colleghi, consiglieri regionali, sciupavano per feste, cene, ostriche e champagne. Ma non ho saputo pi nulla. Franco Fiorito, ex capogruppo del Pdl in Regione Lazio, condannato per peculato a 3 anni e 4 mesi (pena patteggiata) un fiume in piena. Io non ho ru…

Hitler, trovato a Monaco il tesoro confiscato dai nazisti: opere di Picasso, Matisse e Chagall

MONACO DI BAVIERA - Un incredibile ritrovamento a Monaco di Baviera, dove stato scoperto un vero e proprio tesoro di 1500 opere d'arte per un valore stimato di oltre un miliardo confiscato dai nazisti durante il Terzo Reich.
Si pensava che le opere d'arte fossero andate perdute, ma sono state ritrovate in un appartamento a Monaco di Baviera. Lo riporta il Mail online, secondo cui si tratta di capolavori di artisti come Pablo Picasso, Renoir, Henri Matisse and Marc Chagall. Gli esperti ritenevano che tutte quelle opere fossero andate perdute o distrutte sotto i bombardamenti. E invece oggi arrivata la notizia della sensazionale scoperta: i capolavori giacevano da ormai mezzo secolo accatastati dietro un muro di barattoli di fagioli e frutta nel decrepito appartamento del solitario Cornelius Gurlitt, figlio del gallerista Hildebrand Gurlitt nel sobborgo di Schwabing a Monaco. Ad anticipare il ritrovamento stato il settimanale tedesco Focus.    Hitler, trovato a Monaco il tesoro co…

Mali, rapiti e sgozzati due giornalisti francesi

Due giornalisti francesi dell’emittente Radio France International (Rfi), la giornalista Ghislaine Dupont e il suo cameraman Claude Verlon, sono stati rapiti e uccisi in Mali, dove si trovavano per realizzare un servizio. A dare l’annuncio della morte dei due sono fonti del ministero degli Esteri francese. Secondo quanto riportato dal sito Malijet, i due sarebbero stati sgozzati.

I corpi dei due giornalisti sono stati trovati da alcuni militari impegnati nella missione Serval a circa dodici chilometri da Kidal, nel nord-est del Mali, non lontano dal luogo in cui avevano incontrato poco prima un leader del Movimento nazionale di liberazione dell’Azaward (Mnla), nome con cui vengono indicate le regioni del nord del Mali, dalle quali i tuareg chiedono l’indipendenza. I due sarebbero stati sequestrati immediatamente dopo essere usciti dall’abitazione del leader dell’Mnla.

Il presidente francese Francois Hollande si è detto sgomento e indignato per l’accaduto e esprime solidarietà alle fam…

Halloween, riti satanici e torture sugli animali: 41 persone denunciate

Ogni anno la festa di Halloween si trasforma in un pericolo per gli animali. Tutte l volte si ha notizia di riti satanici e torture, specie sui gatti neri. Ora per questo diverse persone rischiano la denuncia. L'Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente) ha reso noto che denuncer 41 persone le quali - secondo l'Associazione - hanno partecipato, in diverse regioni italiane - Piemonte, Lombardia, Lazio e Umbria - a riti satanici la notte di Halloween con abusi su animali. In quelle ore - si legge in una nota - i volontari dell'Aidaa hanno dato vita a "servizi di vigilanza": sono stati cos salvati - riferisce l'Associazione - alcuni gatti neri e animali da cortile.   Halloween, riti satanici e torture sugli animali: 41 persone denunciate